Shangai

Monitor vuoto, posacenere nero, vino.
Folate di fumo, pezzi di vita, divano.
Chiudo la tenda, guardo i grissini.
Qualcuno mi disse: “il gioco si vince se riesci a spostarli senza che crolli nessuno”.

Ma questa partita la vince
chi alza la tavola e sposta il destino.

Tv in sottofondo, coperta di pile, cuscino.
Gli occhi bagnati si chiudono piano.
Parole che crollano senza spostare nessuno.

  

Annunci

Offline 

C’è un vecchio posto

con panorami senza sfondi

e lineamenti senza profilo

Un vecchio posto

Pieno di pensieri non consegnati

E accessi non ultimati

Il posto dove ci Siri_corda di vivere

Dovremmo ritrovare quel posto, perché li su sulla distanza e qui giù nell’assenza, non c’è più connessione.