Mar Secchiello

Due calici mezzi pieni e quella brezza della sera,
che in collina, nei tramonti estivi, riporta alla mente il mare.

Lo stesso respiro che adesso rimbalza sui tetti, entra nelle finestre,
aumenta sulle sfumature del cielo, si ferma in gola dietro l’onda gelata di un ottimo vino.

E nel Mar Secchiello mille barche di ghiaccio s’infrangono sulla bottiglia vuota di vento a perdere.

  

Annunci